Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Un pezzo di Italia che si muove nel mare, tra Golfo arabico e coste africane, toccando i porti di Gedda (Arabia Saudita), Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), Mina Sulman (Bahrein), Shuwaaikh (Kuwait), Ad Dawhah (Qatar), Dubai, Mina Qabus (Oman), per poi raggiungere gli scali di Mombasa (Kenya), Cape Town (Sud Africa), Pointe Noire (Congo) e Dakar (Senegal), e infine fare tappa in quelli mediterranei di Casablanca e Algeri. Obiettivi: mettere in vetrina le eccellenze italiane, dare assistenza umanitaria e attivare progetti di cooperazione con altre nazioni.

Si chiama "Sistema Paese in movimento" la nuova campagna navale della Marina militare italiana presentata stamani a Roma e prevede un tour di sei mesi per la portaerei Cavour che toccherà 13 Paesi africani e 7 del Golfo Arabico.

Partenza il 13 novembre dal porto di Civitavecchia e rientro il 7 aprile 2014 a Taranto. Uno sforzo notevole che vede protagonisti i ministeri della Difesa, degli Esteri, dello Sviluppo economico, dei Beni culturali e del Turismo, Ice, Expo 2015, insieme e una serie di aziende strategiche e partner privati tra cui Eni, Finmeccanica, Fincantieri, Selex Es, Pirelli, Piaggio Aero e FederLegnoArredo. A sostenere gli aspetti umanitari, invece, ci saranno Croce Rossa italiana, con a bordo 60 volontarie, Operation Smile e la Fondazione Francesca Rava.

 "Le forze armate - ha ricordato il ministro della Difesa, Mario Mauro, nel corso della conferenza stampa di presentazione - contribuiscono in modo importante alla nostra politica estera. Con questa iniziativa mettiamo in vetrina il sistema Italia con i suoi prodotti straordinari e puntiamo a far recuperare competitività al nostro Paese".

Uno sforzo per promuovere il sistema Paese in tutte le sue declinazioni, dall'industria tecnologica alla moda, dal food al design, ma anche un'importante occasione per rafforzare le azioni di sicurezza sia attraverso operazioni antipirateria e protezione del traffico mercantile nazionale, ma anche a sostegno delle Marine dei Paesi rivieraschi in funzione di cooperazione, sviluppo e modernizzazione, come ha sottolineato dal canto suo il capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli. In "stato di allerta", per cosi' dire, tutte le ambasciate italiane presenti nei Paesi coinvolti dall'iniziativa.

 "Un'azione multidisciplinare messa in campo per promuovere l'Italia in quella che possiamo definire 'diplomazia della crescita' e che conferma anche i nostri legami con tutti i Paesi che saranno interessati", ha ricordato il capo dell'Unità di coordinamento della Farnesina, Luigi Maria Vignali. Il costo complessivo della campagna è di 20 milioni di euro. "Di cui 13 milioni coperti dagli sponsor e i rimanenti 7 sono per gli stipendi dei militari impegnati", ha fatto sapere il capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio Giuseppe De Giorgi.(ANSAmed).