Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Saranno oltre 200 i rappresentanti della società civile, provenienti da diverse aree della Tunisia, a partecipare all'evento organizzato il prossimo 30 gennaio nella capitale tunisina dal programma PASC, finanziato dall'Unione europea. L'obiettivo è quello di creare un network e di condividere esperienze, ma anche presentare gli scopi del programma e i risultati finora raggiunti.

In occasione di questo incontro, riferisce il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), saranno formulate delle raccomandazioni, che si spera possano contribuire alla creazione di collaborazione fra la società civile e le autorità pubbliche.

Il programma PASC, firmato a luglio del 2012 fra il ministero dello sviluppo tunisino e la delegazione dell'Ue nel Paese, può contare su un finanziamento di 7 milioni di euro per 48 mesi, dal 2012 al 2016. Il suo scopo è quello di rafforzare le capacità delle organizzazioni della società civile tunisina nel dare un contributo al dialogo politico, al consolidamento dello Stato di diritto, alla democratizzazione e allo sviluppo socioeconomico della Tunisia.

PASC punta inoltre a migliorare il quadro legale e istituzionale delle organizzazioni della società civile, ma anche le capacità delle autorità pubbliche e locali di instaurare un dialogo e una collaborazione con queste organizzazioni. (ANSAmed)