Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il modello italiano di assistenza psichiatrica, disegnato dalla riforma “Basaglia”, ha ispirato il Progetto di Cooperazione Internazionale WHCB, che vede protagoniste le Regioni Puglia e Sardegna. Grazie a questo intenso lavoro, iniziato nel 2007, sono già stati raggiunti risultati importanti nell’assistenza territoriale, come l’apertura a Valona della prima “casa famiglia”, nell’ambito del programma ART GOLD delle Nazioni Unite (2007-2008), che la Regione Puglia ha finanziato.


La casa, abitata da 10 donne ex ricoverate dell’Ospedale Psichiatrico, ha rappresentato la prima importante esperienza di lavoro d’integrazione sociale e di rete nel territorio, cui ha fatto seguito l’apertura di due nuove case famiglia, e che ha permesso di ridurre (grazie anche all’attività del “Centro Comunitario di Salute Mentale”) di 90 unità i posti letto del grande ospedale psichiatrico cittadino (da 260 a 170 p.l.). Il cuore del progetto di cooperazione, che si avvale di un qualificato supporto tecnico-scientifico, è il processo di deistituzionalizzazione manicomiale come punto di riferimento per la riforma del sistema psichiatrico in Albania, con l’obiettivo di sviluppare un programma di cure basato sulla salute mentale di comunità. Il processo che ha visto collaborare gli psichiatri della Regione Puglia e della Sardegna, rientra nelle azioni del Progetto più ampio denominato “Welfare and Health Cooperation in the Balkans” (WHCB) che fa parte del Programma Quadro di Appoggio alla Cooperazione Regionale Decentrata nell’area dei Balcani (APQ-Balcani).

Il progetto WHCB sta rinforzando, con il supporto di un network di regioni italiane (Puglia, Emilia Romagna, Sicilia, Abruzzo, Liguria, Sardegna), il sistema di pianificazione e management dei servizi socio sanitari in Albania e in Serbia. Attualmente l’A.Re.S. Puglia, insieme alla Regione Sardegna, sta continuando a rinforzare il processo attraverso:
a) il sostegno dato all’attivazione delle due nuove case famiglia che ospitano in totale 24 ex ricoverati dell’Ospedale Psichiatrico;
b) l’avvio di un progetto d’impresa sociale che prevede la creazione di una serra ad impianto foto-voltaico e
c) la realizzazione di un percorso formativo, con assegnazione di borse lavoro, rivolto a circa 40 pazienti, ricoverati nell’ospedale psichiatrico, ospiti delle tre case famiglia ed utenti del” Centro Comunitario di Salute Mentale”.

Da oggi, una delegazione composta dalla Responsabile per la Salute Mentale del Ministero della Sanità dell’Albania, dalla direttrice dell’Ospedale Psichiatrico di Valona e da operatori dei Servizi di Salute Mentale di Valona è in visita in Puglia per osservare direttamente l’attività dei nostri Servizi di Salute Mentale. La visita, che terminerà mercoledì 23 marzo, è un’occasione per far conoscere l’organizzazione Dipartimentale dei Servizi di Salute Mentale in Puglia, dove sono state sviluppate esperienze innovative nell’ambito della Salute Mentale di Comunità per ciò che riguarda, in particolare, il lavoro di rete e lo sviluppo dell’associazionismo di utenti e familiari.

In occasione della visita, stamattina presso l’Assessorato alle Politiche della Salute, ha avuto luogo una conferenza stampa di presentazione del progetto e della delegazione albanese, presieduta dall’Assessore alle Politiche della Salute della Regione Puglia, prof. Tommaso Fiore, e dal Direttore dell’AReS Puglia, dott. Franco Bux, con la partecipazione della direttrice dell’Ospedale Psichiatrico di Valona, Dott.ssa Antonela Agai, della responsabile per la Salute Mentale del Ministero della Sanità dell’Albania, dott.ssa Eljesa Harapej, e del responsabile scientifico del progetto per la parte affidata all’Agenzia Sanitaria della Puglia, dott.ssa Mariella Genchi.

 

 

Fonte: Press Regione Puglia