Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La prima edizione della “Notte del documentario mediterraneo” è alle porte. Il prossimo 2 luglio, dalle 20 fino all'una del mattino, a Roma, lo storico Barcone della Società Romana Nuoto 1889 sarà teatro di una maratona a base di documentari ambientati in quattro Paesi mediterranei: Egitto, Bosnia, Spagna e Turchia. Promotori della serata l'associazione Babelmed, il Centre Mediterranéen de la Communication Audiovisuelle di Marsiglia, Il Caffè dei giornalisti di Torino e la romana Assemblea dei cittadini del Mediterraneo. L'ingresso è libero.

Si comincia con "Bulaq" di Davide Morandini e Fabio Lucchini, su un quartiere nel centro storico del Cairo, i cui abitanti lottano da una trentina d'anni contro il governo che vuole raderlo al suolo per costruire delle infrastrutture turistiche. Segue "In utero Srebrenica" di Giuseppe Carreri, presente il regista: in piena notte, in una foresta, Munira scava a mani nude il terreno minato per ritrovare le ossa del figlio ucciso durante il genocidio di Srebrenica. Con lei, molte altri madri continuano la loro lotta per la giustizia in Bosnia-Erzegovina, un paese che ancora oggi non ha trovato la pace.

Sarà poi la volta di "A house for Bernarda" Alba di Lidia Peralta Garcia: otto donne gitane di El Vacie, una baraccopoli di Siviglia, sono diventate molto famose in Spagna dopo aver recitato in "La Casa di Bernarda Alba" di Federico García Lorca. Le loro vite sono veramente cambiate? Qual è stato il percorso che le ha portate dall'emarginazione alla popolarità?

Infine "Mon vélo de rêve" di Serda Yalin, 15', 2009: Abdullah ha 11 anni e vive con i genitori e undici fratelli e sorelle ad Hasankeyf, una città storica molto turistica nell'Est della Turchia. Vorrebbe avere una bicicletta sua ma sa che i suoi non possono permettersela. Per averla decide allora di provare a comprarla da solo diventando guida turistica.