Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}E' stato presentato a Bari il catalogo d'arte dal titolo Sculture lignee e tavole dipinte in Puglia. Cinque casi di studio: dalla diagnostica al restauro. Il lavoro è stato finanziato nell'ambito di un progetto PIC Interreg III A Italia-Albania denominato Re.Va.Le. - Recupero Valorizzazione Legno. Giovani studiosi pugliesi e albanesi si sono cimentati... nell'ambito del progetto curato dalle università di Bari e di Foggia e dalla Soprintendenza, al restauro secondo le tecniche più avanzate di cinque opere provenienti dal territorio pugliese che sono state 'raccontate' nel catalogo.

''E' davvero entusiasmante il camminino della cooperazione internazionale tra territori - ha detto l'assessore regionale al mediterraneo, Silvia Godelli - questo progetto ha visto la collaborazione tra professionalità italiane ed albanesi, concretamente intorno a delle preziose opere d'arte per raggiungere l'obiettivo di imparare tecniche di restauro ed applicarle per poterle replicare nei territori italiani ed albanesi''.

''Il risultato è percepibile - ha detto Silvia Godelli - nell'ammirare le opere restaurate e riportate a nuova vita dalle mani sapienti e professionali di uomini e donne pugliesi ed albanesi che hanno ripercorso millimetro per millimetro i materiali erosi dal tempo restituendo loro compatezza, colore , friabilita' e ripristinandone la bellezza ed il valore storico''.

''Il criterio di scelta delle opere - ha spiegato il responsabile scientifico di Re.Va.Le, Achille Pellerano - non è stato quello della maggiore o minore valenza storico culturale delle opere, ma la diversità delle problematiche dell'intervento dal punto di vista sia della diagnostica sia della scelta dei materiali e delle modalità di intervento''.

fonte: ansamed.