Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Inaugurata a Bruxelles l'iniziativa Women4Cyber, lanciata dall'organizzazione europea per la cybersicurezza (European Cyber Security Organisation, ECSO) nel novembre dello scorso anno. L'iniziativa mira ad aumentare il coinvolgimento delle donne nello sviluppo e nella promozione della cybersicurezza europea.

"Le donne hanno davvero una marcia in più, bisogna fare sì che le loro competenze e le loro capacità siano riconosciute. La cybersicurezza acquisterà sempre più importanza nel nostro futuro digitale, e dobbiamo avvalerci del potenziale delle donne, oggi sottorappresentate in questo settore. Per questo motivo accolgo con favore l'iniziativa e le auguro ogni successo. È importante che produca risultati concreti per l'inclusione e l'avanzamento di carriera delle donne nel settore della cybersicurezza in Europa". Queste le dichiarazioni della Commissaria responsabile per l'Economia e la società digitali Mariya Gabriel.

L'ECSO ha invitato numerose leader femminili di spicco nel settore della cibersicurezza, anche facenti parte della Commissione europea, a diventare membri fondatori dell'iniziativa.

Nel 2018 la Commissaria Gabriel ha indicato una serie di azioni della Commissione per aumentare la partecipazione delle donne nell'intero settore digitale.

A tal proposito, è stato lanciato anche uno speciale programma UE di segnalazione dei bug, per premiare chi scopre vulnerabilità in determinati programmi software "open source" utilizzati dalle istituzioni dell'UE. I premi variano da 3.000 euro a 25.000 euro. Questo programma è una componente chiave di EU-FOSSA 2 (Free and Open Source Software Auditing), un progetto finanziato dal Parlamento europeo e attuato dalla Commissione europea per rendere più sicuro il software "open source" utilizzato dalle istituzioni dell'UE.

Sia l'iniziativa Women4Cyber che il programma della Commissione per la segnalazione dei bug sono peraltro in linea con le ultime misure concrete che l'UE ha adottato per migliorare la propria cybersicurezza.

Approfondimenti