Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è tenuta a Roma, martedì 15 gennaio, la riunione del Comitato Nazionale CBC ENI Mediterraneo 2014/2020, per definire la posizione nazionale in merito ai temi in discussione nel prossimo Joint Monitoring Committee, che si terrà in Egitto (Il Cairo) il 29 e 30 gennaio 2019. Presso la sede della Regione Puglia, co-Presidente del Comitato Nazionale attraverso il Coordinamento delle Politiche Internazionali, l’incontro è stato organizzato d’intesa con il Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale che ha aperto i lavori con l’intervento dal Capo Delegazione Nazionale, Cons. Jacopo Martino.

All’ordine del giorno: una panoramica sui risultati del 1° bando per Standard projects (chiuso il 24 gennaio 2018), la discussione sul prossimo bando per progetti strategici e le linee di indirizzo per la programmazione 2019.

Puntuali, nel corso della riunione, la relazione e gli input di Aldo Puleo, referente dell’Autorità di Gestione CBC ENI Med. Oltre al MAECI, al Dipartimento Politiche Coesione, all’Agenzia per la Coesione Territoriale e alla Regione Puglia – National Contact Point del Programma, hanno partecipato le regioni italiane coinvolte ed il partenariato economico e sociale.

Il Programma ENI CBC Med rappresenta, per numero di paesi coinvolti e risorse disponibili, un’iniziativa di cooperazione transfrontaliera dell’Unione Europea di grande interesse nello spazio mediterraneo. Particolarmente attesi, dunque, sono gli sviluppi e gli impatti che potranno generarsi con le attività future.
Due gli obiettivi generali del Programma: promuovere lo sviluppo economico e sociale, orientare sfide comuni per l'ambiente. Quattro, invece, sono i temi principali delle azioni previste: competitività e sviluppo delle Piccole e Medie Imprese; sostegno all'istruzione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione; promozione dell'inclusione sociale e lotta alla povertà; tutela dell'ambiente, adattamento e mitigazione degli effetti del cambiamento climatico.