Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Gennaio 2005 / giugno 2010

{mosimage}Pubblicato il resoconto della conferenza di lancio del progetto ITALBALK e del seminario per lo scambio di know-how su piattaforme logistiche, interporti e servizi intermodali. Entrambe gli eventi si sono tenuti a Belgrado, nel mese di aprile.

{mosimage}Al via InfraMed Infrastructure, il primo strumento di finanziamento dell’Unione per il Mediterraneo che sosterrà progetti di infrastrutture urbane, energetiche e per il trasporto sostenibile sulle rive meridionali ed orientali del Mediterraneo.



La maggior parte dei quotidiani italiani dedica il titolo principale delle prime pagine alla manovra del governo contro la crisi e di come sul suo testo la presidenza della Repubblica abbia evidenziato le sue richieste di correzione. ''Il governo corregge, Napolitano firma'', e' il titolo del Corriere della Sera, mentre La Repubblica, quasi in sintonia, parla di ''correzioni'', spiegando che ''il governo cambia il decreto dopo i rilievi'' della presidenza della Repubblica. Un altro argomento in grande evidenza e' il fallimento dei tentativi di bloccare la fuoriuscita di petrolio davanti alle coste della Louisiana. ''Niente ferma la marea nera'' e' il titolo scelto dalla Stampa. Anche i quotidiani spagnoli parlano di crisi economica e di misure del governo. Come fa La Vanguardia che anticipa che ''Il governo esige dalle autonomie maggiori tagli nel 2011'', riferendo della richiesta inoltrata alle Regioni. Lo stesso quotidiano riferisce l'esito di un sondaggio fatto tra i cittadini di Barcellona che ''vedono la citta' piu' insicura'' oltre che piu' ''incivile'' rispetto a qualche anno fa.

In Grecia Adesmeftos Tipos afferma che ''Le pensioni si trasformano in sussidi'', mentre Kefalaio anticipa che la prossima sara' una ''estate calda per il sistema creditizio''', parlando di un progetto generalizzato che riguarda le fusioni tra banche. Per Apogevmatini nel Pasok e' il momento del ''si salvi chi puo''' dopo che esploso lo scandalo delle presunte mazzette pagate dalla Siemens.

I quotidiani croati danno molto risalto alla visita del nuovo presidente, Ivo Josipovic, nella Repubblica Srpska. ''Applausi per Josipovic, Dodik (premier della Repubblica Srpska, entita' a maggioranza croata della Bosnia, ndr) invita tutti i profughi al ritorno, titola Vecernji List, mentre Jutarnji List sottolinea come ''Josipovic ha fatto quello che nessuno prima di lui ha osato''. Sui quotidiani serbi si anticipa la posizione contro l'ingresso della Serbia nell'Unione europea che la Germania potrebbe assumere nell'incontro ministeriale Ue-Balcani occidentali del 2 giugno.

Sono tutti relativi alla sicurezza della regione, quelli che i quotidiani egiziani hanno privilegiato per le loro prime pagine. Al Ahram titola sul vertice franco-africano, con Mubarak e Sarkozy che apriranno i lavori, mentre Asharq al Awsat anticipa i temi che il presidente dell'Autorita' palestinese, Abu Mazen, affrontera' il 9 maggio nell'incontro con Obama.



La Steg (Societe' Tunisienne de l' Electricite' et du Gaz) ha creato la filiale ''Steg, Energies Renouvelables'', allo scopo di contribuire allo sviluppo del piano solare approvato dal governo lo scorso settembre.

La filiale operera' in particolare nella elaborazione di studi specifici alle nuove energie rinnovabili, alla gestione e alla manutenzione di centrali di produzione di energie rinnovabili (eoliche, solari ed altre), alla prestazione all'estero di servizi nel campo delle energie rinnovabili. La filiale e' una societa' anonima con un capitale di cinque milioni di dinari (circa 2,58 milioni di euro) e si aggiunge alla ''Steg International Services'', creata nell'ottobre 2006.

{mosimage}Dal 7 all’11 giugno 2010 si concentrano in Spagna alcuni degli appuntamenti di riferimento del Programma ESPON 2013. Scadenza il 28 giugno per la Call lanciata a maggio.