Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Le Strategie Macroregionali nascono per volontà dell’Unione Europea con l’intento di affrontare in maniera efficace sfide e criticità comuni di tutti i Paesi coinvolti nell’area di riferimento sostenendo, al contempo, potenzialità e best practice diffuse in un sistema sinergico e solido tra tutti gli Stati interessati.

Successivamente all'adozione delle Strategie Macroregionali Europee per la regione del Mar Baltico e per la regione del Danubio, nel Dicembre 2012 il Consiglio Europeo ha riconosciuto l'opportunità di adottare una Strategia per la Macroregione Adriatico Ionica (EUSAIR) che punta a conferire nuovo slancio alla cooperazione e agli investimenti a beneficio di 8 Paesi dello spazio adriatico - ionico: 4 Stati membri Ue (Croazia, Grecia, Italia, Slovenia) e 4 paesi non - UE (Albania, Bosnia - Erzegovina, Montenegro, Serbia).

La strategia EUSAIR promuove la crescita e la prosperità economiche della regione migliorandone l'attrattività, la competitività e la connettività. Si propone, inoltre, la salvaguardia del mare, dell'ambiente costiero e dell'entroterra e degli ecosistemi. Quattro, in particolare, sono le aree individuate di reciproco interesse (Pilastri) sui quali si articolano le priorità d’azione contenute nell'Action Plan EUSAIR:

  1. Blue Growth (Acquacoltura e pesca, tecnologie blu, servizi marini e marittimi)
  2. Connecting the region (Trasporti marittimi, connessioni intermodali hinterland, reti energia)
  3. Environmental quality (Biodiversità marina, inquinamento marittimo, habitat transnazionali terrestri e biodiversità)
  4. Sustainable Tourism (Prodotti e servizi turistici diversificati, qualità, management turistico, turismo accessibile)

Sono considerati Pilastri trasversali, infine, “Innovazione e sviluppo delle PMI” e “Capacity building”.

La Regione Puglia, attraverso la struttura di Coordinamento delle Politiche Internazionali, è stata parte attiva del processo di consultazione che ha portato alla definizione dell'Action Plan EUSAIR. Oggi coordina a livello nazionale le Regioni italiane per il Pilastro 4 “Turismo Sostenibile”, è membro del Thematic Steering Group del Pilastro 4, e partecipa alla “Cabina di Regia” istituita a livello nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Europee e al “Gruppo Interregionale Adriatico – Ionico” istituito a Bruxelles.

Sito ufficiale della Strategia.